Satiricon: satira

Satiricon: satira

Satira sulla società e politica


satira politica e sociale satiricon

Ironia e satira per chi ama sorridere e non prendersi troppo sul serio

Ricordiamo che lo spirito della satira è di sintesi estrema e critica su determinate situazioni contingenti e si occupa specialmente di temi di carattere sociale, come politica, religione, sesso e morte.
Ogni riferimento è prettamente goliardico e creativo.

Breve storia sulla satira:

Occorre partire dalla satira menippea del III secolo a.C., che prende il nome Menippo di Gàdara filosofo cinico e scrittore di satire purtroppo andate perdute (III secolo a.C.), di lui abbiamo notizie da altri come Diogene Laerzio. I tratti distintivi del genere letterario il prosimetrum (inserzione di versi in un contesto in prosa); lo spudaiogeloion (stile serio-comico);
una visione di prospettiva a tre piani su cui si sposta l'azione (Inferi, Terra e Olimpo);
situazioni eccentriche, fantastiche e grottesche dove si fa ironia nel guardare con distacco il mondo;
il tutto con uno stile realistico e schietto condito con acuta e tagliente ironia.
In merito al Satyricon di Petronio, è possiamo consideralo come romanzo con tratti riconducibili alla menippea. La Storia:
"il giovane Encolpio, colto, dotato di raffinato senso estetico e d'ironico distacco, narra in prima persona le sue disavventure durante i vagabondaggi nelle città italiane del Sud, vivendo di espedienti, ruberie e pranzi scroccati. Suo compagno è l'adolescente Gitone, del quale è innamorato; ai due si si aggiunge Ascilto, che è anche esso attratto da Gitone, e questo è fonte di gelosia e di liti.
I tre affrontano con spirito di avventura ogni esperienza, con cinismo e distacco. Tra i personaggi abbiamo Quartilla, sacerdotessa di Priapo, il racconto che la coinvolge ha avuto negli anni numerosi tagli e ricostruzioni a causa di riti orgiastici presenti nella versione originale, il ricchissimo liberto Trimalcione, ignorante e rozzo che si atteggia a persona istruita, circondato con altri nuovi arricchiti e parassiti.




Satiricon di comunicati stampa online




Parenzo, acuto giornalista e intellettuale di alta onesta intellettuale,
 spiega come mai ha potuto perdere a scacchi con la gatta Kiki, 
e chiede di rigiocare ma esige che la gatta faccia il green pass

Parenzo e la gatta Kiki

satira sociale e politica satiricon Giacomo Gallo

Roberto Fico Satira

Quando ascolto i discorsi del Presidente Roberto Fico, io piango e immagino che sia solo un consigliere comunale allora mi sollevo un pò, ma poi ricordo che la Pivetti era al suo posto allora cado in depressione

satira sociale e politica satiricon Giacomo Gallo

Crisanti Satira


satira sociale e politica satiricon Giacomo Gallo

Satira Speranza perché ve la prendete con me?

satira sociale e politica satiricon Giacomo Gallo

I reali virus

m5stelle virus covid 19 Buonafede
Scoperta sensazionale i virus covid 19 hanno dei volti

satira sociale e politica satiricon Giacomo Gallo

Il ministro Speranza pubblica il suo nuovo libro
 ma all'ultimo è stato anche questo RITIRATO

Speranza satira libro sorprese all'ultimo minuto

satira sociale e politica satiricon Giacomo Gallo

Draghi nomina Rocco Casalino Ministro dell'Economia e Finanza

Casalino ministro

Casalino ringrazia e propone di fare lotterie a scuola, 
e scommesse su corse dei banchi a rotelle

satira sociale e politica satiricon Giacomo Gallo

La speranza di Cottarelli

speranza di Cottarelli nuovo trolly

P.s. Cottarelli ha tutta la nostra stima ma qui si scherza

satira sociale e politica satiricon Giacomo Gallo

Arrivano i costruttori invocati da Di Maio

i costruttori satira politica


                                         satira sociale e politica satiricon Giacomo Gallo

Bellanova Conte


Bellanova a Conte: te ne devi andà


satira sociale e politica satiricon Giacomo Gallo

I libri di speranza

Roberto Speranza Roberto Speranza libro

decide di cambiare il titolo del suo libro, tutti tremano…

Roberto Speranza perché non guariremo

Dopo il ritiro del libro che festeggiava la vittoria sulla pandemia e visto il perdurare della stessa Roberto Speranza decide di cambiare il titolo del suo libro,
l'editore gli avrebbe riferito che non poteva più tenere le copie in magazzino!!

Molti temono cattivi presagi…