Poeta romano: Gabriele Galloni

Poeta romano: Gabriele Galloni

 Gabriele Galloni poesia e prosa

Gabriele Galloni poesia

Gabriele Galloni giovane poeta della scuola romana, nato a Roma il 6 giugno 1995 dimostrò già da giovanissimo il talento per la scrittura diventando in pochissimo tempo tra i più quotati giovani poeti del panorama italiano e internazionale.

Vari riconoscimenti e premi gli sono stati accreditati, la sua cosiddetta “traccia” è stata determinata da alcuni suoi tratti, unici per la sua giovane età: conoscenza eccellente della lingua italiana, della metrica, fantasia e immaginazione fuori dal comune, attrazione per il mondo ultraterreno con cui aveva impostato un modo nuovo di dialogare con esso che lo faceva sembrare assolutamente normale, un poeta dalle mille sfaccettature che lo facevano essere pungente, sentimentale, crudo, provocatorio.

Amante anche della natura e dei luoghi del litorale laziale al quale ha dedicato molti dei suoi versi (vedi il libro “L’estate del mondo”), attratto per il mondo  sopracitato dell’aldilà  come nel libro “In che luce cadranno”, dove il poeta descrive il suo modo di vedere tale dimensione, libro che poi risultò tra i suoi più venduti, ma Galloni dimostrò con il suo libro postumo “Bestiario dei giorni di festa” anche il suo modo di essere ironico e divertente, insomma in pochi anni Gabriele è riuscito a condensare tutto ciò che altri riuscirebbero semmai a fare in molti ma molti più anni.

Il suo talento è stato riconosciuto da tutta la platea della letteratura, i suoi versi sono stati tradotti in varie lingue; dal francese all’inglese, dal russo allo spagnolo, dal greco al romeno.

 Il 6 settembre 2020 Gabriele Galloni ha strappato il biglietto per il suo viaggio di sola andata, la causa della sua scomparsa è stata dovuta a un arresto cardiorespiratorio acuto durante il sonno, la cosiddetta morte dei giusti, causa imprevedibile dal punto di vista medico.

La sua bibliografia attuale è la seguente: Slittamenti (Augh!, 2017); In che luce cadranno (RPlibri, 2018); Creatura breve (Ensemble, 2018); Sonno giapponese (Italic Pequod, 2019); L’estate del mondo (Marco Saya, 2019); Bestiario dei giorni di festa (Ensemble, 2020), sono in previsione altre pubblicazioni d'inediti. 

In occasione della sua prematura scomparsa gli amici, la madre e il padre hanno voluto creare un sito per raccogliere e diffondere la sua arte: Gabriele Galloni.